Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

Italia
Veneto
Storia
Itinerari
Città
Contatti  /
Cerca

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player



Palazzo Labia Palazzo Palazzo Memmo-Martinengo Ca' Vendramin-Calergi Fondaco dei Turchi Palazzo Belloni-Battagia Ca' Tron Palazzo Duodo Palazzo Coccina-Giunti-Foscarini-Giovannelli Ca' Pesaro Ca' Corner della Regina Palazzo Gussoni-Grimani-della Vida Ca' d'Oro Palazzo Morosini-Sagredo Palazzo Michiel dalle Colonne Palazzo Michiel del Brusà Palazzo Mangilli-Valmarana-Smith Ca' da Mosto Palazzo dei Camerlenghi Ca' Dolfin-Manin Palazzo Bembo Palazzo Corner-Loredan Piscopia Ca' Farsetti Palazzo Grimani Palazzo d'Anna-Viaro-Martinengo-Volpi di Misurata Palazzo Querini Benzon Palazzo Corner-Spinelli Palazzo Coccina Tiepolo-Papadopoli Palazzo Bernardo Palazzo Grimani-Marcello Palazzo Barbarigo della Terrazza Palazzo Pisani Moretta Palazzo Mocenigo detto 'il Nero' Palazzo Mocenigo Casa Nuova Palazzo Mocenigo Casa Vecchia Palazzo Contarini delle Figure Palazzo Moro-Lin Palazzo Grassi Palazzo Malipiero Palazzo Balbi Ca' Foscari Palazzo Giustinian Ca' Rezzonico Palazzo Loredan dell'Ambasciatore Palazzo Contarini degli Scrigni e Corfù Palazzo Falier-Canossa Palazzo Giustinian-Lolin Palazzo Gussoni-Cavalli-Franchetti Palazzo Barbaro Palazzo Contarini-Polignac dal Zaffo Palazzo Corner della Ca' Granda Ca' Dario Palazzo Pisani-Gritti Palazzo Contarini-Flangini-Fini Palazzo Contarini Fasan Palazzo Giustinian-Morosini Palazzo Fortuny Palazzo Contarini dal Bovolo Palazzo Albrizzi Palazzo Soranzo Palazzo Corner-Mocenigo Palazzo Pisani

Clicca sui numeri per
i link ai palazzi

posizione veneto in italia


Palazzo Mocenigo Casa Vecchia

Lato Sinistro
Completamente rimaneggiato tra il 1623 e il 1625 da Francesco Contin, il palazzo era stato edificato nel Quattrocento secondo lo stile gotico del tempo per il ramo più antico della casata dei Mocenigo. I Mocenigo erano originari di Milano e pare che discendessero dall'antica gens romana dei Comelii. A palazzo Mocenigo nel 1574 soggiornò Emanuele Filiberto di Savoia, il vincitore delle battaglie di Mùhlberg e di San Quintino, che al momento della partenza regalò alla padrona di casa una cintura di trenta rosette d'oro con quattro perle ciascuna e una grossa gemma al centro. Negli anni 1591 -1592 Giovanni Mocenigo invitò nella sua dimora sul Canal Grande il filosofo Giordano Bruno che si era rifugiato a Venezia per salvarsi dalla persecuzione della Chiesa di Roma. Deluso che non gli avesse rivelato segreti di alchimia e di magia (si aspettava che «gli insegnasse i secreti della memoria e altre cose meravigliose»), Giovanni Mocenigo lo denunciò all'Inquisizione veneziana scrivendo contro di lui una pesante accusa di eresia. Il filosofo aveva infatti commesso lo sbaglio di riferire a Mocenigo che «lui è nemico della Messa», "che niuna religione gli piace"; aveva detto che «Cristo fu tristo», e che se faceva «opere triste» sollevando il popolo poteva prevedere molto facilmente che sarebbe stato giustiziato. Il Senato decise di inviarlo a Roma, dove fu processato per sette anni. Giordano Bruno non abiurò, subì la tortura, fu riconosciuto colpevole di insegnamenti eretici e bruciato sul rogo a Campo dei Fiori nel febbraio del 1600. La leggenda racconta che il suo spirito abiti a palazzo Mocenigo, la casa di colui che lo aveva prima ospitato e poi tradito. E ancora oggi, ogni anno, nel giorno dell'anniversario della sua morte, si dice che il fantasma del filosofo compaia nei giardini del palazzo. Dopo l'estinzione della famiglia avvenuta nel 1824, il palazzo cambiò più volte proprietario e venne diviso in diversi appartamenti.
«««««««a sinistra
Pagine: « 1 ... 31 32 33 34 [35] 36 37 38 39 ... 60 »

Per seguire passo a passo l'itinerario avanzare con le pagine







Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player